Lettori fissi

lunedì 21 maggio 2012

La mia Emilia ferita

Come avrete avuto modo di leggere sui giornali e vedere in televisione, domenica mattina alle 4:05 in Emilia c'è stato il terremoto, magnitudo 6.0. 
Io ho sempre pensato di essere antisismica, in Emilia il terremoto c'è già stato diverse volte negli anni, ma io non l'avevo mai sentito.
Stavolta l'ho sentito eccome. 
Essere svegliati alle 4 del mattino con la casa che balla e non smette più di tremare è... paralizzante. Nel cuore della notte non si sa cosa fare, non si ha tempo di rendersi conto, anche se quelli che si vivono sono i secondi più lunghi.
Pur vivendo vicino all'epicentro, nella mia zona siamo stati molto fortunati: un grande spavento, ma tutto a posto.
Non sono stati così fortunati nei comuni della provincia di Modena e Ferrara.
7 morti, 60 feriti, più di 4000 sfollati. 
Quella qui sotto è una sequenza di foto del prima e dopo di monumenti in quattro diversi comuni di Ferrara e Modena. 
Immagine tratta dal web.
Oggi niente frivolezze, solo un pensiero per chi non è stato fortunato come me.

11 commenti:

  1. Ciao Giulia
    l'abbiamo sentito anche a Milano, e la mia domanda è stata dov'è avvenuto perchè sembra che sia molto vicino. Piccoli consigli per eventuali scosse future, non posso nasconderti che probabilmente ce ne saranno altre, quindi dovesse ancora capitarti i posti sicuri sono le travi portanti, le porti sotto travi portanti, sotto i tavoli e anche sotto il letto, questo come ultimo rifugio. Quello che ti raccomando è calma e sangue freddo, so che non è facile, ma non scendere in strada c'è pericolo che cadano cornicioni e altro dalle facciate. Lo so che non è facile ma con il tempo si impara a convivere con il terremoto, il miglior modo per salvarsi è stare calmi e ragionare.Se hai bisogno di qualche altro consiglio o delucidazione cerco di darti una mano, non sono preparatissima su questa zona in quando era ritenuta sicura e non sismica, pensa che non è molto diversa come magnitudo da quella dell'Aquila, solo che là è sulla montagna quindi epicentro esteso e più profondo il terremoto. Baci buona giornata Alex

    RispondiElimina
  2. Oggi io ho deciso di rispettare una giornata di silenzio. Ieri, in preda al panico, ho voluto sfogarmi sul blog per trarre beneficio dal supporto delle lettrici... ma in questo lunedì di pioggia voglio fermarmi per ricordare chi non c'è più e farmi forza per quanto passato sabato notte, uno dei momenti di sicuro più brutti della mia vita. Fortunatamente, a parte lo spavento massacrante, nessun danno a Bologna.

    RispondiElimina
  3. Non sapevo fossi emiliana, mi spiace tantissimo :( io ero venuta per scriverti di passare da me perché ti avevo assegnato un premio, ma mi rendo conto che non è il momento :(

    RispondiElimina
  4. Lo stesso da me, tra Reggio e Parma.
    Sono originaria dell'Alto lazio, zona latamente sismica, e pensavo di essere al sicuro dai terremoti qui in Emilia.
    Da piccola ci fu un periodo che si dormiva o all'aperto o in casa vestiti e pronti a correre.Sabato notte è stato un tuffo nel passato.
    Purtroppo siamo impotenti davanti alla forza della natura...

    RispondiElimina
  5. che brutte cose :(
    io non l'ho sentito, ma mio fratello vive a modena e appena l'ho saputo mi sono un po' spaventata... per fortuna hanno solo avuto molta paura ma non gli è successo nulla di grave..

    RispondiElimina
  6. Ciao Giulia,
    io come te sono Emiliana, di Reggio Emilia per la precisione.. ho vissuto con terrore tutti i precedenti sismi, questa volta (per mia fortuna) ero fuori Emilia ma.... basta vedere le immagini che hai postato per capire quanto sia grossa la ferita creata da questo terremoto.. sia agli edifici che alle persone..
    .. facciamoci coraggio a vicenda..
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
  7. Questi sono i momenti in cui ci rendiamo conto di come la vita sia un soffio! Il mio pensiero di oggi è rivolto a tutti VOI dell'Emilia e a quella povera ragazza di Brindisi! è stato davvero un fine settimana ORRENDO! Un abbraccio a TE e tutti voi.

    RispondiElimina
  8. Cara Giulia,

    non esistono parole in questi momenti. I fatti e le immagini parlano già da sole.

    Vi sono vicina con il pensiero e le preghiere.

    RispondiElimina
  9. Ciao cara...che immagini forti non so proprio cosa dire...queste cose sono terribili e purtroppo ci possono colpire da un momento all'altro... :( Vi sono anche io tanto vicina..mi dispiace tanto..un bacio!

    RispondiElimina
  10. Ciao Stellina... rieccomi dopo un paio di giorni di silenzio il mio pc era momentaneamente deceduto... mi spiace moltissimo per tutti voi emiliani, mi spiace per il dolore e la sofferenza e soprattutto mi spiace per chi non c'è più... mi stringo al vostro dolore che poi è anche il nostro, perché queste cose non possono essere ignorate, solo perché stavolta non è capitato a noi! Ti abbraccio con sincero affetto.

    RispondiElimina
  11. Grazie a tutte ragazze!
    Per fortuna dove vivo io non ci sono stati danni e anche le scosse percepite sono state relativamente poche (non sono mai troppo poche!). Purtroppo non è stato così in altre provincie: i danni alle abitazioni e soprattutto all'economia sono davvero ingenti. Che unito a questo periodaccio di crisi, proprio non ci voleva...
    Però gli emiliani sono tosti: maniche rimboccate e via a lavorare!
    Speriamo solo che le scosse diano un pò di tregua!
    Un bacione a tutte voi!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...