Lettori fissi

sabato 9 febbraio 2013

A good book is a good friend - “Il seggio vacante” di J.K.Rowling

Quando ho saputo che sarebbe uscito un nuovo libro di J.K.Rowling ho iniziato a fremere... ho adorato ogni singola parola di ogni singolo libro di Harry Potter, era inevitabile quindi che volessi leggere anche qualunque altro romanzo scritto dalla Rowling.
Avete letto anche voi Harry Potter?
Bene, dimenticatevelo.
Non provate nemmeno lontanamente ad aspettarvi una storia simile.
Ma neanche col binocolo.
Immagine tratta dal web.
Per la cittadina di Pagford, la morte improvvisa di Barry Fairbrother è uno shock. In apparenza, Pagford è un ridente villaggio inglese, con la sua piazza del mercato lastricata in pietra e la sua antica abbazia. Dietro questa bella facciata, invece, c'è una cittadina in guerra. Guerra dei ricchi contro i poveri, dei figli verso i genitori, delle mogli con i mariti, degli insegnanti con gli allievi. Pagford non è quello che sembra. Attorno al seggio lasciato vuoto da Barry nel consiglio municipale si scatena la guerra più feroce che Pagford abbia mai vissuto: chi uscirà vincitore da un confronto gravido di passioni, ambiguità e colpi di scena? (Trama tratta da La Feltrinelli).

Già dalla trama potete intuire come “Il seggio vacante” non abbia niente a che fare con il mondo della magia. E', anzi, una storia sulla cruda realtà di un paesino, sconvolto dalla morte di Barry Fairbrother, consigliere comunale. Sconvolto non tanto in termini umani, quanto perchè la morte di Barry lascia libero un seggio nel consiglio comunale. Inizia così una lotta tra le diverse frazioni per accaparrarsi il seggio di Barry, lotta che porterà alla luce la vera natura della “brava gente” di Pagford.
La lotta per il seggio avrà una costante: Krystal Weedon e la sua triste, cruda, reale, difficile vita. Sarà presa come esempio di una condizione, ci sarà chi vorrà aiutarla, chi vorrà sbarazzarsene, chi finge di non vederla.
Inizialmente ammetto di aver faticato a farmi coinvolgere dalla storia, ci sono molti personaggi, le cui vicende si intrecciano, e la stanchezza pre-lettura serale non ha aiutato.
Poi a un certo punto ho iniziato a sperare. Sperare che le cose potessero andare bene per chi lo meritava.
Indubbiamente è un bel romanzo, che mette in luce la solitudine dei personaggi, l'egoismo, l'indifferenza. Pare quasi che l'unico personaggio veramente buono e disinteressato di Pagford fosse Barry Fairbrother.
E' una storia dal sapore amaro.
Senza lieto fine.
Voto: 8

L'avete letto? O avete intenzione di leggerlo?

12 commenti:

  1. Io l'ho letto. Hai proprio ragione, è una storia cruda che lascia l'amaro in bocca per come sono andate le cose.
    E' un libro che si differenzia davvero moltissimo da Harry Potter, che amo con tutta me stessa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' proprio così, non avrebbe potuto scrivere un libro più diverso dalla saga che l'ha resa famosa!

      Elimina
  2. Ho amato ogni singola parola di questo libro. L'ho letto in versione eBook e lo comprerò certamente nella versione cartacea. Non mi aspettavo nulla. Mi è piaciuta la saga di HP ma non ho mai mitizzato la sua creatrice.
    Questo invece è tutta un'altra storia. E' un capolavoro, un intreccio di personaggi, storie, famiglie e sentimenti che da una nube confusa iniziale diventano una fitta ma visibilissima e riconoscibile rete. Un libro adulto, maturo, sarcastico, pungente e a tratti cattivo, doloro e angosciante che alla fine ti fa desiderare di vivere a Pagford ancora un altro po', per continuare a spiare da dietro le tende tutti i suoi abitanti e vedere che cosa la vita ha ancora in serbo per loro.
    Oltre Fairbrother, i miei personaggi preferiti sono Cincia e la piccola, sfortunata Krystal...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quelli che hai citato cara Miki sono anche per me i personaggi che mi hanno colpita di più! Concordo sul fatto che sia un libro adulto, senza lieto fine, doloroso e angosciante. Il fatto di averlo letto di sera, con la stanchezza della giornata addosso non mi ha facilitato però nel farmi coinvolgere dalla trama che intreccia le realtà di tutti i personaggi... ho un pò faticato a carburare! Ma ne è valsa decisamente la pena.

      Elimina
  3. l'ho messo sul tablet ma non riesco a leggerlo. associo troppo Jk Rowling a Harry e mi fa troppa specie non leggere di lui...dovrò aspettare un po' per dimenticarmi chi è l'autore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, ti consiglio anche io di aspettare un pò se la tua associazione è così forte... non trovaresti per niente quello che cerchi!

      Elimina
  4. Ho amato Harry Potter e il suo mondo come poche cose,hai notato i riferimenti su Fb???? Questo libro mi è stato regalato a Natale e devo ancora leggerlo, quindi non ho letto il tuo post per paura di anticipazioni.... Lo rileggerò non appena finirò il libro e ti dirò la mia! Buona domenica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora cara Pinnù buona lettura e ne parleremo quando lo avrai letto! Un bacione!

      Elimina
  5. Ciao, ho questo libro in wishlist ma onestamente non so se mai lo comprerò. Troppi commenti negativi ho letto al riguardo rispetto a quelli positivi. Non che io mi lasci influenzare però ho paura di essere troppo legata alla Rowling per Harry Potter. Baci Sara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Saretta sicuramente va letto come se non fosse stato scritto dalla stessa autrice di Harry Potter! Un baciotto

      Elimina
  6. è nella lista, ovviamente.....
    però prima o poi devo finire la rilettura di tutti gli HP!! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io vorrei tanto rileggerli un giorno cara Violet!! :)

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...