Lettori fissi

sabato 13 luglio 2013

A good book is a good friend – "Angelology" di Danielle Trussoni

Attratta, come spesso mi succede, dalla copertina ho acquistato d'impulso Angelology di Danielle Trussoni. La trama era nelle mie corde: i fantasy di questo genere, anche se sono spesso abbastanza simili, mi coinvolgono di frequente.
Fonte
"Evangeline ha soltanto sette anni il giorno in cui il padre la affida alle suore del Convento di Saint Rose, vicino a New York, lasciandole come unico ricordo un ciondolo a forma di lira. Da allora il convento è stato la sua casa, il luogo dove è cresciuta, dove ha preso i voti, e dove ha fato una scoperta sconvolgente: una lettera del 1944, spedita dall’ereditiera Abigail Rockefeller alla Madre Superiora, in cui viene citata una misteriosa spedizione nella Gola del Diavolo, in Bulgaria, e il ritrovamento di un cadavere perfettamente conservato. Il cadavere di un Angelo. Per Evangeline, quella lettera è il primo tassello di una storia che affonda le sue radici nella notte dei tempi: la storia degli Angeli che hanno tradito Dio e del Male che è sceso sulla Terra con un battito d’ali; la storia dei Nefilim, e creature generate dall’unione tra gli Angeli ribelli e i mortali; la storia degli Angelologi, un gruppo di studiosi e religiosi che, da generazione, si tramandano il segreto dell’esistenza dei Nefilim e combattono contro di loro una guerra secolare. E, soprattutto, la storia di quattro strumenti di origine divina e dai poteri straordinari, quattro strumenti andati perduti che, adesso, Evangeline ha il compito di recuperare, prima che lo facciano i Nefilim. Perché la storia degli Angelologi è anche la sua storia, e la loro missione è la sua missione. Una missione che riscriverà il destino di Evangeline e, forse, dell’umanità intera." (Fonte)  

Nonostante questo sia un genere che mi piace molto, solitamente, ho trovato Angelology un pò pesante da leggere.
Credo che i continui salti temporali uniti alla descrizione della storia nella storia mi abbiano appassionata poco. Ad un certo punto l'autrice inserisce addirittura un libro nel libro: è stato un capitolo breve ma credo che questi siano tutti elementi che impediscono al lettore di essere pienamente coinvolto dalla storia. O almeno nel mio caso è stato così.  
Se a questo aggiungete anche un amore sconfinato dell'autrice per le descrizioni prolisse... beh magari potrete capire perchè non mi ha coinvolta così tanto.
Vi dirò, sicuramente prima o poi uscirà un seguito, ma Angelology mi ha lasciato così tiepida che non so se mai lo leggerò...
Voto: **

Voi lo avete letto? 
Ci sono elementi che in genere vi impediscono di appassionarvi a un romanzo?

13 commenti:

  1. oddio io lo voglio leggere da tanto...se mi dici così non mi avvicino proprio..la trama mi attira parecchio però le descrizioni molto lunghe mi annoiano..vedrò se leggerlo o meno allora :)

    mallory

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io ho desiderato leggerlo per tanto tempo e mi ha lasciato alquanto tiepida.. :(

      Elimina
  2. Che peccato, la trama sembrava davvero promettente!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me non ha entusiasmato molto, l'ho trovato un pò lento e tanto descrittivo!

      Elimina
  3. anche io mi faccio attrarre dalla copertina!

    RispondiElimina
  4. Non sono una grande appassionata di fantasy, nonostante ne abbia letti diversi in passato, è come se quello spazio sia ormai saturo e difficilmente mi faccio prendere. Da come descrivi questo poi... No no non fa per me.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davvero Miki? Sai che non lo avrei mai detto che non fossi appassionata di fantasy! Comunque si ti consiglio di orientarti su altro, questo non mi ha proprio entusiasmata!

      Elimina
  5. purtroppo è capitato anche a me di comprare un libro perchè mi sembrava coinvolgente dalla trama e dalla copertina e poi non sono nemmeno riuscita a finirlo perchè troppo "pesante".....o comunque poco coinvolgente.....

    RispondiElimina
  6. No, non ho letto questo libro. A me piacciono i libri di psicologia e cose simili, o tipo Eat, Pray, Love.

    RispondiElimina
  7. Lo punto da una vita e credo proprio che lo comprerò. I continui salti temporali a cui accenni mi ricordano "La Biblioteca dei Morti" di Glenn Cooper, il libro più bello che abbia mai avuto il piacere di leggere, perciò ora sono ancora più curiosa *.* solo che il mio amato Glenn è tutt'altro che prolisso xD

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...