Lettori fissi

venerdì 25 ottobre 2013

Considerazioni post trasloco...


Quello di oggi sarà un post chiacchierino.
E lunghissimo.
Quindi ringrazio già quassù chi avrà le forze di leggerlo tutto ed esprimere la propria opinione. ^.^
Non so nemmeno se quello che sto per scrivere avrà un capo e una coda. :P
Ma, a qualche mese dall'inizio del mio trasloco, volevo condividere con voi alcune considerazioni. Considerazioni che si sono consolidate a seguito del primo cambio stagione nella casina nuova, dove l'armadio anziché essere tutto mio è da dividere con qualcuno (NdA: ho volutamente omesso il fatto che debba essere diviso equamente. Diciamo che è da dividere e basta! ^.^).
Fonte
Spostare tutte le mie cose da un indirizzo ad un altro, mi ha fatto riflettere (e non poco), sulla quantità di roba che possiedo e sulla tendenza all'accumulo che ci circonda... non parlo solo di trucchi o prodotti beauty, parlo in generale di qualunque cosa: libri che non ci sono piaciuti, dvd che non guardermo più, abiti e scarpe comprate di impulso e messe poche volte.
Fonte
E' facile rendersene conto quando devi decide cosa portare con te e cosa no.
E quello che ho capito è che spesso dietro c'è una vera e propria mentalità.
E sapete quando l'ho capito?
Quando è stato il momento di acquistare le cose più pratiche per la cucina: piatti, bicchieri, posate & co per intenderci. Mia mamma, ma soprattutto mia nonna o la mamma del mio ragazzo ci hanno riempito di roba con la scusa che “tanto prima o poi vi serviranno”, “tanto i bicchieri/piatti si rompono”, “tanto fanno sempre comodo”. E la cucina si è riempita in un attimo di cose che si, forse, mi serviranno quando ne avrò rotte altre.
Assurdo.
Poi siamo nel 2013. Ogni giorno escono prodotti nuovi e non è più necessario nemmeno uscire di casa per poter acquistare quello che ci serve.
E quindi mi è venuto da pensare che sia questa la mentalità che sta dietro anche a certi acquisti compulsivi, cosmetici o non, fatti perchè si trovano prodotti in sconto o in promozione (quando siamo circondati quotidianamente da promozioni e sconti).
Anche il cambio stagione ha rafforzato queste mie convinzioni, per questo ho deciso di eliminare parte di quei vestiti che non uso da anni e donarli alla Caritas. Perchè ogni anno funziona così: si desidera e si compra qualcosa di nuovo e, inevitabilmente, si finisce per portare quel nuovo + gli articoli del nostro guardaroba che ci piacciono di più.
Fonte
E questo vale anche per il reparto make-up.
Ogni stagione immancabilmente si finisce per acquistare qualche prodotto nuovo, accantonando altri. Anche perchè i packaging scintillanti ed eleganti non aiutano a frenare gli acquisti, i colori, le texture, le novità... però capita a volte di acquistare un prodotto pensando “si, quando avrò finito, x,y e z lo userò, è in offerta”... Ditemi che non capita(va) solo a me?
Per questo ho deciso di cambiare filosofia.
Non di sottostare a un rigido ban casmetico, perchè credo che gli estremi siano nocivi, ma di cambiare il pensiero alla base degli acquisti.
Fonte
Smettere di comprare in toto per lunghi mesi penso che possa pesare, anche psicologicamente, visto che ogni tanto togliersi uno sfizio non fa male, anzi può far stare meglio. L'importante è definire bene quel “ogni tanto”.
Imparare invece a comprare POCO e MEGLIO è il mio obiettivo.
Il che è un pò un paradosso visto il titolo del blog... ^.^
Anche pe questo non voglio inabissarmi in un ban infinito, non è nella mia natura.
Quello che vorrei riuscire a fare è cercare di individuare in ogni occasione d'acquisto cosa sfrutterei davvero e investire (magari anche più di prima, chissà) su quell'articolo, perchè poi si vanno a limare ed eliminare tutti gli acquisti superflui.
Questo discorso trova ampio riscontro nell'usanza, sempre più diffusa in questo periodo, di diventare consumatrici più consapevoli.
Fonte
Per questo già dai primi di luglio sto cercando di smaltire crema e prodotti beauty che ho accumulato (un anno di Glossybox/Sugarbox non ha certo svantaggiato la tendenza all'accumulo).
Però mi sono presa anche una parentesi con il turismo cosmetico e mi sono regala alcuni articoli delle collezioni autunnali che desideravo, l'importante, secondo me, è imparare a saper scegliere.
Tutto questo papiro quindi non significa che non mi comprerò più niente in assoluto, ma che prometto che penserò bene sempre e comunque prima di mettere mano al portafoglio. L'obiettivo è di imparare a comprare e dove si può evitare un acquisto sbagliato, cercherò di farlo.
E se vi andrà tra sei mesi, o giù di lì, vi racconterò com'è andata...

44 commenti:

  1. Grande Spendina!
    Anche io mi sto orientando verso una filosofia molto simile alla tua, come avrai visto negli ultimi tempi mi sto concedendo qualche sfizio ogni tanto senza eccedere, come in passato!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Visto con i miei occhi Ale!! Brava brava!

      Elimina
  2. io ci sto provando ma - sono sincera - sto in astinenza da shopping!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'astinenza da shopping è brutta brutta, cerca di resistere cara o di premiarti con qualcosa che ti serve davvero!

      Elimina
  3. Ottimo ragionamento. Per me vale tutto quello che ha detto tu. Io però sono in ban semi totale da mesi per cause di forza maggiore, e non so se riuscirò a frenarmi quando la situazione migliorerà...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando la situazione migliorerà Ery dovrai premiarti ma con moderazione, dopo un ban per cause maggiori però un premietto ci starà!

      Elimina
  4. Bellissimo post che ho letto fino alla fine! ;)
    Sai che il trasloco, dopo il lutto ed il divorzio, è la cosa che stressa di più un essere umano? Inoltre viviamo in un mondo consumista (non è una novità) che fa parte però solo dell'occidente..e alle volte mi sento veramente in colpa e questo senso di colpa alle volte mi porta a ragionare come te: lo prendo solo perché ne ho bisogno...peccato che questa sensibilità appare molto raramente! La cosa incredibile è che a casa mia sono una schifosa consumista materialista, quando viaggio sono la più hippy che ci sia e mi porto veramente l'essenziale! Vai a capire il perché....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai che non sapevo che il trasloco fosse terzo in questa classifica! Stressante però è stato stressante, per fortuna è fatta! :-) comunque tra viaggi e casa si può dire che tu abbia trovato una sorta di equilibrio no cara?

      Elimina
  5. Brava Spendina, concordo in pieno! Io come sai sono in pieno mood "consumo consapevole", poche cose ma buone! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Poche cose ma buone in tutti gli ambiti d'ora in avanti fatina! :-)

      Elimina
  6. Bravissima. Io ho adottato questo sistema già da un po': inutile acquistare 10 magliettine perché costano poco (poi ti accorgi che valgono anche poco!); poche cose (abbigliamento, make up, scarpe, articoli per la casa, ecc) ma ben fatte (non necessariamente di un valore esagerato) e la casa "respira". Fare il cambio di stagione nell'armadio è già un incubo, figuriamoci un trasloco con tanta roba inutile! Ciao!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Poche cose ma di qualità (non necessariamente costose) diventerà la mia filosofia!

      Elimina
  7. Anche io da quest'estate ho iniziato a ragionare così: dopo gli innumerevoli acquisti del viaggio in America e il mese successivo senza acquisti, ho iniziato a comprare solo quello che mi serviva e a smaltire quello che avevo. Ad oggi mi sono resa conto di non avere più una goccia di latte detergente in casa, ma meglio così perchè tanto lo sostituisco con altri prodotti (struccanti bifasici, acqua micellare, ecc). Per quanto riguarda il makeup invece è molto più duro lo smaltimento...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Poi che soddisfazione è tirare via un po' di prodotti che erano in dispensa da mesi? Per il make up si fa più fatica ma l'importante è riscoprire un po' quello che si ha senza farsi sempre abbindolare dalla novità o no?

      Elimina
  8. Ottimi propositi anche se non è il periodo migliore per farli :P...anch'io ho intenzione di acquistare SOLO il necessario, quello che realmente utilizzo sempre e che consumo di più ... quindi i propositi ci sono magari dopo Natale sarò ancora più attenta in previsione di una futura convivenza serve risparmiare ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il Natale è un periodo pieno di tentazioni ma rimandare non sarebbe servito a molto! Mi concederò qualcosina ma lo farò ragionando sugli acquisti! :-)

      Elimina
  9. Concordo con te. Io cerco di non fare entrare in casa cose che non sono indispensabili, trovo simpatica la regolina del decluttering "per ogni cosa che entra in casa farne uscire due" ;-)
    Per quanto riguarda l'abbigliamento ho deciso di acquistare meno pezzi a favore della qualità, basta con maglioncini in puro poliestere che non durano neanche una stagione!
    Comuqnue è incredibile quanto si accumula, anche inconsciamente. Io un paio di volte l'anno faccio un giro per casa e raccolgo abiti che non uso, suppellettili, borse, e quant'altro e le porto al mercatino dell'usato così oltre a farci due soldini dò alle cose la possibilità di avere un altro proprietario in grado di aprezzarle/utilizzarle :-)
    Io pensa che ero accumulatrice compulsiva di bicchieri!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sto leggendo diversi articoli sul decluttering e credo che potrei fare mia qualche regolina! Per quanto riguarda l'abbigliamento sono pienamente d'accordo con te! E la mia intenzione sarebbe di applicare lo stesso ragionamento anche ad altri ambiti!
      Nell'arco di tanti anni è inevitabile accumulare cose, quello che è importante è non circondarsi di cose che non servono più. Si respira meglio in casa no?
      Quella del mercatino dell'usato è un'usanza che non ho, magari mi informo un pò, non sarebbe male dare nuova vita a certi oggetti!
      Mitica di bicchieri!! Li collezionavi?

      Elimina
  10. ma questo post è troppo corto!;)
    L'ho letto con molto piacere, vedo che la tendenza si sta piano piano invertendo, e condivido in pieno ciò che hai detto(avendone io stessa parlato qualche tempo fa). Ovviamente sono molto curiosa di leggere le tue considerazioni fra qualche mese!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se mi impegno tra qualche mese sono quasi sicura che riuscirò a scrivere un post ancora più lungo!! Eheh
      Grazie per averlo letto tutto cara! :)

      Elimina
  11. Il tuo ragionamento è un po' anche il mio!! Solo che io lo faccio con motivazioni diverse XD Non lavorando (sono in quarta superiore) non posso chiede ogni mese ai miei genitori di comprare questo o quello perchè mi caccerebbero di casa!!!! Pertanto quando acquisto qualcosa cerco sempre di valutare se mi serve, se ne ho uno simile ecc. Però non sono sicura che se non avessi il limite di spesa utilizzerei questa "tecnica"!!!!! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io finchè non lavoravo ero sempre abbastanza brava nella gestione delle finanze. All'arrivo dello stipendio è normale togliersi qualche sfizio in più, quello che vorrei riuscire a fare adesso però è comprare meglio, cose di qualità e che sfrutto davvero!

      Elimina
  12. Ciao!
    Anch'io dovrei ponderare meglio i miei acquisti..purtroppo, però, spesso mi lascio "abbindolare" dalle novità o semplicemente da un packaging carino! :)
    Mi rendo conto di tutte le cose che possiedo solo quando mi accingo a risistemare cassetti e armadi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il packaging frega sempre anche me... dai un'occhiata ai cassetti prima di uscire per andare a fare shopping, magari aiuta! ;-)

      Elimina
  13. Bravaaa ! Anche io sto provando a non accumulare troppo...anche se orami l'accumulo di anni e anni è fatto !! Tra qualche mese toccherà a me traslocare e saranno ca--i perchè cambiando regione dovrò affittare proprio un camion... :(
    Eli

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahi, cambiare regione non aiuterà! Anche se credo che spostarsi di un chilometro o di 100, in termini di cose da spostare cambi poco... smaltisci quello che puoi cara, e in bocca al lupo per il futuro trasloco!!!

      Elimina
  14. Anche io sto provando a diventare una consumatrice più consapevole e sono in fase super smaltimento cosmesi. Non riesco a frenarmi invece con vestiti sia per me che per la bimba... una cosa per volta eheheh

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche un settore alla volta va bene, l'importante è prendere il via! :)

      Elimina
  15. Ottima filosofia! Sono curiosa di vedere come andrà il tuo percorso! :)

    RispondiElimina
  16. Ho fatto la stessa consclusione quando ho fatto il trasloco io. Fatto sta che ho buttato diversa roba :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' inevitabile fare un pò di pulizie, anche per dare più significato a un "nuovo inizio"!

      Elimina
  17. guarda io sono una malata di shopping quindi neanche io mi rendo conto di quante cose negli anni si accumulano ... effettivamente quando si devono spostare o scegliere pochi tra di essi diventa impossibile farlo..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E soprattutto ci si rende conto che negli anni tanti soldi sono stati proprio buttati al vento... e vista la fatica che si fa per farli entrare, viene voglia di imparare ad acquistare meglio!

      Elimina
  18. Quando ho traslocato nella mia casa, mi sono spaventata per tutte le cose che in teoria avrei dovuto portare con me... Risultato? Ho scelto cosa non tenere di abbigliamento, accessori, make up e ho chiesto a zie, amiche, parenti di controllare se ci fosse qualcosa di loro gradimento, quello che è rimasto è andato in beneficenza alle famiglie bisognose della mia città. Cerco di comprare meno, ci son riuscita con scarpe e borse, per me, accessori-dipendente, è stato un gran traguardo!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Brava cara! Quando un articolo piace si fa ancora più fatica per cui mi sembra che tu abbia ottenuto ottimi risultati! D'altra parte è "normale" nella vita accumulare cose, io devo imparare ad affezionarmici meno e a fare un pò di pulizia, oltre che a comprare meglio!

      Elimina
  19. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  20. concordo in pieno! il ban non ha tanto senso perché funziona come il ban dei dolci durante la dieta.. quando poi la finisci vorresti strafogarti! è giusto darsi semplicemente una regolata e comprare con criterio!

    ciauu ♥

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto, anche a me era venuto in mente proprio l'esempio della dieta, poi nella foga dell'articolo chilometrico ho dimenticato di scriverlo!! eheh
      Ciao cara!

      Elimina
  21. Brava Miao, sicuramente la nuova filosofia ti aiuterà a fare acquisti mirati e utili, senza pesare sia psicologicamente ( si, è proprio vero, a noi donne andare a fare shopping ci tira proprio su di morale ! ) sia economicamente ( ci mettono tanto ad arrivare ma ad uscire ci vuole MEZZO SECONDO :( ) !! Per quanto mi riguarda sono passata a questa mentalità a causa di riccicapricci che occupa praticamente tutto il mio tempo libero dunque...sono stata obbligata !! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Passando il tuo tempo libero con riccicapricci l'assenza di shopping peserà sicuramente meno no miao?

      Elimina
  22. prima ammetto che compravo ora ho limitato parecchio la cosa,giusto lo sfizio ogni tanto..all inizio può pesare un pò ma poi ci si fa l'abitudine..per i vestiti non ho problemi,quelli che non uso li do in beneficenza l'ho sempre fatto e non ne compro molti...coi bijoux è un altro lungo discorso.......però di solito ciò che non uso rivendo/scambio/do via per evitare di tenere cose inutili xD

    mallory

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sembra che tu abbia trovato una buona soluzione per ogni ambito cara!

      Elimina
  23. @all: prima di rispondere da ognuna di voi lasciate che ci ringrazi di nuovo per aver letto e condiviso con la vostra opinione. Pensavo che questo post chiacchierìno infinito non se lo sarebbe filato nessuna e invece... Grazie di cuore! <3

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...