Lettori fissi

sabato 12 luglio 2014

A good book is a good friend - “Luna di miele a Parigi” e “La ragazza che hai lasciato” di Jojo Moyes

Ho letto lo scorso anno Io prima di te, primo romanzo di Jojo Moyes, un libro bellissimo ed emozionante. Leggere la recensione della cara Miki mi ha fatto decidere di buttarmi nella lettura dei nuovi romanzi di questa autrice: Luna di miele a Parigi, un piccolo, breve prologo, subito seguito dal romanzo vero e proprio, nonché ultimo libro di Jojo Moyes, La ragazza che hai lasciato. Ovviamente dopo aver letto il prologo ero davvero desiderosa di leggere il nuovo libro, per cui ho aspettato di aver letto entrambi prima di scrivere questa recensione.
Luna di miele a Parigi
"Al centro di questo racconto due romantiche e tormentate storie d'amore quella di Sophie e Édouard Lefevre in Francia durante la Prima guerra mondiale e, circa un secolo dopo, quella di Liv Halston e suo marito David. "Luna di miele a Parigi" - uscito in Inghilterra solo in ebook - si svolge alcuni anni prima degli eventi narrati nel romanzo "La ragazza che hai lasciato," quando le due coppie si sono appena sposate. Sophie, una ragazza di provincia, si ritrova immersa nell'affascinante mondo della Belle époque parigina ma si rende conto ben presto che amare un artista apprezzato come Édouard implica qualche spiacevole complicazione. Circa un secolo più tardi anche Liv, travolta da una storia d'amore appassionante, scopre però che la sua luna di miele parigina non è la fuga romantica che aveva sperato..." (Trama tratta dal sito La Feltrinelli).


E' un breve, ma coinvolgente, prologo della storia raccontata in La ragazza che hai lasciato. Presenta i personaggi e da un'infarinatura sulle loro storie. L'idea di raccontare di due coppie di sposini novelli, entrambe in luna di miele a Parigi, ma in due epoche diverse, lontane ma in qualche modo intrecciate, mi ha fatto innamorare di questo piccolo libro.
Dopo averlo letto non vedevo l'ora di leggere il romanzo vero e proprio.
Incantevole così come trovo che sia incantevole la copertina.
Voto: ****
La ragazza che hai lasciato
Fonte
"Il romanzo racconta la storia di Sophie, nel 1917 e di Liv, ai giorni nostri, le cui vite sono unite nel corso del secolo da un quadro misterioso. Francia, 1917. Sophie sposa il pittore Lefevre, allievo di Matisse, che parte per il fronte allo scoppio della Guerra. La donna ritorna a St Peronne occupato dai tedeschi e aiuta le famiglie in difficoltà, suscitando l'ammirazione del locale comandante delle truppe tedesche. Quando giunge la notizia che suo marito è stato catturato, Sophie chiede aiuto al comandante offrendogli in cambio un bellissimo quadro fatto dal marito che la ritrae da ragazza, intitolato "La ragazza che hai lasciato", che il tedesco ammirava da tempo. La sua proposta viene però fraintesa dall'uomo che crede che Sophie si proponga come amante e s'infuria. Il giorno dopo Sophie viene arrestata e portata in un campo di lavoro. Riuscirà a riunirsi al suo amato? Parallelamente a questa vicenda si svolge la storia di Liv, che a soli 30 anni vive l'esperienza dolorosissima della morte del marito. Ma ad un certo punto incontra Paul e tra i due scatta un certo feeling. L'uomo lavora per una società che si occupa di rintracciare opere d'arte scomparse e trafugate durante la guerra e proprio a casa di Liv vede il quadro che stava cercando da tempo, quello appartenuto un secolo prima a Sophie, che il marito di Liv le ha regalato per le nozze. Una serie di fraintendimenti porta i due a separarsi malamente. Cosa succederà tra di loro? E cosa ne sarà del dipinto?" (Trama tratta dal sito La Feltrinelli).

Devo ammettere che inizialmente la mia lettura di questo romanzo è proceduta a rilento, ho trovato che la storia faticasse a carburare e per questo non ne sono stata molto coinvolta. Dopo circa un terzo del romanzo l'intreccio invece si fa interessante e la mia voglia di sapere come sarebbe finita la storia è aumentata, la lettura è diventata decisamente più piacevole. 
Mi è piaciuto molto l'alternarsi delle storie, tra passato e presente, con le vite di Sophie e Liv così distanti ma allo stesso tempo così intrecciate. 
Consiglio a chi voglia leggerlo di dedicarsi prima alle lettura di Luna di miele a Parigi, poche pagine che però rendono bene l'intensità dei sentimenti provati delle protagoniste. 
Voto: *** e mezzo

Avete letto qualche romanzo di Jojo Moyes? 
Anche voi vi fate attrarre come falene dalle belle copertine? 

2 commenti:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...