Lettori fissi

sabato 7 febbraio 2015

2 blogger al cinema - Febbraio 2015

Mesi intensi per le amanti del cinema come me e Saretta di Bitter Sweet Me: i primi tre mesi dell'anno sono ricchi di eventi e di uscite cinematografiche. Fosse per me pianterei le tende al cinema, ma un po' per assenza di compagnia e un po' per puro senso di decenza ho limitato le mie visioni cinematografiche ad alcuni film.
Tra tutti due sono quelli che vi avevo consigliato nella rubrica del mese scorso:
The Imitation Game
Fonte
Alan Turing, la cui storia è rimasta secretata fino a pochi anni fa, è un elemento chiave per la risoluzione della Seconda Guerra Mondiale. The Imitation Game è il racconto di quella storia: Alan Turing, matematico ed esperto di crittografia durante la Seconda Guerra Mondiale lavorò, insieme a un gruppo ristretto di geni e esperti del settore, per decrittare il codice Enigma, ideato dai nazisti per comunicare le loro operazioni militari in forma segreta.
Il racconto alterna momenti vissuti durante la seconda guerra mondiale a momenti dei primi anni '50, quando Alan Turing fu arrestato per atti osceni perchè omosessuale. E il film è proprio “un gioco di imitazioni”: non solo per il team di geni che tentato di elaborare la risoluzione del codice nazista, ma anche per alcuni dei membri costretti a operare sotto copertura con eventuali doppi giochi e per Turing stesso, costretto a nascondere la sua diversità.
Alan Turing è un personaggio difficile, prodigioso con numeri e codici, ma incapace di comunicare, di comprendere l'ironia e convivenza sociale. Mi ha ricordato spesso una versione meno comica del meraviglioso Sheldon di The Big Bang Theory.
Benedict Cumberbatch realizza una meravigliosa performance, che mette in risalto ancora di più le ingiustizie subite da Turing.
Molto brava anche Keira Knightley che nel film interpreta Joan Clarke, una donna che voleva fare un mestiere da uomo, esperta di enigmistica, una delle poche persone davvero capaci di capire Alan Turing.
The Imitation Game è un film piacevole da vedere ma allo stesso tempo in grado di dar vita a diverse chiavi di lettura, toccando così tante argomentazioni: guardatelo, non ve ne pentirete!
Voto: 8 e mezzo
Big Eyes
Big Eyes racconta la storia di Margaret e Walter Keane, dei dipinti dagli occhi grandi che li hanno resi famosi e di una delle più grandi frodi nell'arte contemporanea. Walter infatti convinse Margaret a firmare tutti i suoi dipinti a nome Keane, per fare in modo di spacciarli tutti per suoi perchè all'epoca l'arte dipinta dalle donne non era presa in seria considerazione. 
Non conoscevo la storia di Margaret Keane, pensare che è ambientata negli anni '60, nemmeno troppo tempo fa. Il sentimento che mi ha accompagnata per tutto il film è stata una notevole rabbia: prima di tutto verso Walter, che si approfittava di lei convincendola che in realtà il suo era un gesto d'amore. L'interpretazione di Christoph Waltz è come sempre magistrale: riesce a dar vita a un personaggio istrionico, fastidioso, rumoroso, palesemente bugiardo e spiccatamente cialtrone, ma che allo stesso tempo si inventa alcune mosse d'affari geniali, come vendere le stampe dei dipinti. 
Anche Margaret stessa mi ha fatto innervosire: è una donna forte, che divorzia dal primo marito e se ne va con la figlia quando non era ancora socialmente accettato, ma allo stesso una donna debole, che si fa dominare e ricattare da un marito bugiardo ed approfittatore. Amy Adams, bravissima nella sua interpretazione, riesce egregiamente a dare risalto a questa doppia personalità. 
Tim Burton invece sembra quasi nascondersi dentro al suo film: una pellicola colorata e soleggiata, insolita rispetto allo stile di Burton. Il regista emerge però in quegli occhi grandi che Margaret non vede più solo nei suoi quadri ma anche nelle persone comuni, simbolo di sentimenti ed emozioni. 
Voto: 8
   
Tra le altre, ci sono due pellicole in uscita in febbraio che non voglio perdermi: la prima è molto probabile che sia la fregatura dell'anno, ma sono proprio curiosa di vedere come è stata adattata per il grande schermo, la seconda invece ha ricevuto recensioni a dir poco entusiastiche. 
Cinquanta sfumature di grigio
Whiplash

E ora, di corsa tutte a leggere recensioni e consigli della cara Saretta di Bitter Sweet Me.

PS: Con l'arrivo di febbraio inizia ufficialmente anche il countdown agli Oscar 2015, le vostre blogger al cinema non si faranno certo sfuggire un'occasione così ghiotta... stay tuned!

12 commenti:

  1. E' interessante Big eyes :)
    Nuovo post :) http://passionforfashion21.blogspot.it/2015/02/mini-haul-due-nuove-paia-di-orecchini.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi è dispiaciuto che sia passato senza clamore, dalle mie parti è rimasto in programmazione al cinema per un battito di ciglia!

      Elimina
  2. purtroppo non ho visto nessuno dei due, giuro anche io pianterei le tende al cinema ma causa impegni vari non posso -.- Big eyes lo vedrò sicuramente ma Burton negli ultimi film mi ha delusa e sono parecchio prevenuta in verità.. -.- io ieri sera ho visto una notte al museo 3 *-* amo quel film..

    mallory
    ps amo alla follia questa rubrica :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. <3, che tesoro!
      Una notte al museo 3 me lo guarderò anche io ma a casa!
      A me Big Eyes è piaciuto ma non sono un'esperta di Burton...

      Elimina
  3. Ma quando sono gli Oscar? Io mi sache 50 sfumature di grigio me lo guarderò giusto per farmi due risate, secondo me stanno facendo tanto casino per nulla! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah, concordo! Spero di riuscire a organizzare una serata cinema con le amiche, tanto per ridere!
      Gli Oscar fatina saranno domenica 22 febbraio, ormai ci siamo! :)

      Elimina
  4. "Big Eyes" non l'ho ancora visto. Per quanto riguarda "The imitation game" invece dissento dal tuo parere. A me proprio non è piaciuto. Questa nostra rubrica più passa il tempo più mi piace. Sempre bello confrontarsi! Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davvero non ti è paiciuto Saretta? Son curiosa di conoscere la tua opinione! E concordo al 100% amo, amo, amo questa nostra rubrica e mi piace alla follia che il 2015 sia partito con molte più pubblicazioni! :)
      Baciotto!

      Elimina
  5. Big Eyes volevo andarlo a vedere al cinema ma tra una cosa e l'altra non ci sono riuscita (poi rispetto a altri film non è stato fuori molto, lo hanno spostato subito ad unica programmazione nel tardo pomeriggio o.o). Quindi dovrò rimediare al più presto *_*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche qui è rimasto in programmazione per pochissimo purtroppo! :/

      Elimina
  6. Quei due film erano esattamente quelli che volevo vedere!! Mi confermi che avrei fatto bene, ora li aspetterò su sky...

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...