Lettori fissi

martedì 15 settembre 2015

Cracovia in 10 foto! - Avrei detto...

Quest'estate ho fatto delle vacanze strane.
In cerca di una soluzione per spendere meno del solito ma fare comunque diversi giorni di vacanza abbiamo optato per un mix di mare e città d'arte.
Per il mare ci siamo affidati a località ormai classiche per noi: siamo tornati per la terza volta all'Isola d'Elba poi io ho raggiunto i miei nonni qualche giorno in riviera, in una località che a livello affettivo considero come la mia seconda casa.
Per la città d'arte la scelta della destinazione è stata dettata da una ricerca incrociata.
Le chiavi di ricerca sono state due: che fosse una città nuova, mai vista prima, e che in volo costasse poco.
Risultato: Cracovia.
Spesa: nemmeno 200€ tra volo e hotel per quattro giorni pieni.
Quando gli amici mi chiedevano dove andavo in vacanza e io rispondevo a Cracovia, in Polonia, tutti storcevano il naso e mi domandavano perchè, molti si sono anche dimostrati assolutamente disinteressati.
Così è stato anche al rientro:
"Dove siete stati?”
"In Polonia, a Cracovia.”
E proprio mentre io avrei voluto iniziare a parlare di questa piccola perla, una vera e propria scoperta, per gli amici il discorso sembrava concluso.
Cracovia non suscitava grande interesse.
Alcuni hanno espresso la loro palese opinione “E cosa ci siete andati a fare?”, non lasciandoci nemmeno il tempo di approfondire con una risposta.
Se ci avessero lasciato il tempo...
Avrei detto loro di dare una possibilità a Cracovia.
Avrei detto loro di non storcere il naso.
Avrei detto loro che avrei voluto avere più giorni per visitare anche il resto della Polonia.
Avrei detto loro che i pochi giorni a Cracovia sono stati una vera e propria scoperta anche per noi.
Avrei detto loro che è stata una delle vacanze più emotivamente intense che io abbia mai fatto.
Avrei detto loro che Cracovia è una città bellissima. E super economica.
Avrei detto loro che quello che ti mette addosso la visita ad Aushwitz non lo fa nessun film, documentario, libro o racconto.
Avrei detto loro che la visita a un posto del genere è intensa, straziante, devastante.
Che esci e capisci un pò di più – per quanto si possa veramente mai arrivare a comprendere – chi è tornato e non ha mai più voluto parlarne. Perchè la visita fa lo stesso effetto: vorresti parlarne con tutti ma allo stesso tempo ti sembra che le parole sminuiscano quello che è stato, quello che hai visto, i racconti che hai sentito.
Avrei detto loro che c'è la Fabbrica di Schindler, quella vera, e che la stanza/installazione con la lista dei nomi degli ebrei salvati mi ha fatto piangere.
Avrei detto loro che a Cracovia esiste un'altra storia altrettanto commovente e coraggiosa ma molto meno famosa, quella del farmacista polacco Tadeusz Pankiewicz. 
Avrei detto loro che il quartiere ebraico è commovente e bellissimo, un binomio perfetto di memoria e modernità. 
Avrei detto loro che le Miniere di Sale di Wieliczka sono state entusiasmanti e istruttive. E che chi ha dei bambini dovrebbe portarli, si divertirebbero un mondo.
Avrei detto loro che scendere 1070 gradini per arrivare sotto terra - solo al primo livello, poi si scende per altri due. Ma in tutto sono 8 (il nono è chiuso da qualche anno) - fa tornare bambini. 
Avrei detto loro che la birra polacca è ottima.
Avrei detto loro che Cracovia è una città dalle molteplici leggende e che, mentre si “studia” prima di partire assume un'aura mistica, quasi magica, che permane per tutta la visita.
Avrei detto loro che la piazza principale Rynek Glowny è una delle piazze più belle d'Europa, la sera soprattutto.
Avrei detto loro di smettere di storcere il naso e di andare.
Cracovia e la Polonia hanno tanto da regalare. 

PS: avrei anche detto loro – ai pochi interessati - che lo shopping cosmetico è stato grande! ;)
A voi, se avrete voglia di ascoltarmi, lo racconterò domani.


** tutte le foto del post sono miei scatti personali ** 

16 commenti:

  1. Si legge che questo viaggio è stato davvero una sorpresa per te, che emotivamente è stato importante e forte, deve essere stato bello. E lascia perdere i commenti del prossimo, la gente spesso si sofferma su quei quattro luoghi in croce (specie in estate), e spegne il cervello.
    :*

    RispondiElimina
  2. Giulietta cara, questo è uno dei post migliori del tuo blog! Non esistono mete o città di seria a o b, chi lo pensa perde delle grandissime occasioni. Detto ciò, Cracovia è una di quelle città che mi ispira tantissimo ma anche Danzica e Varsavia. Una mia amica ci è stata in Erasmus lo scorso anno e dalle foto che mandava pare che meriti proprio una visita! Tornando al lato frivolo..non vedo l'ora di vedere il bottino cosmetico :)

    RispondiElimina
  3. Lascia perdere certa gente... non capisce :/ Dev'essere stata una vacanza insolita, ma bella :)

    RispondiElimina
  4. Avresti detto meraviglie se solo si fossero soffermati almeno un po' :)
    Per fortuna che il blog ci consente di non dimenticare luoghi simili, grazie per averne parlato <3

    RispondiElimina
  5. a me invece interessa tantissimo come città!!! alcuni miei amici ci sono stati e mi dissero che era proprio bella! poi io AMO le città dell'est europa, devo vederle tutte prima o poi..molta gente non capisce purtroppo.. voglio sapere dello shopping cosmetico xD

    mallory

    RispondiElimina
  6. Che bel foto racconto, grazie per aver condiviso con noi questa esperienza, mi hai messo addosso una curiositá pazzesca! :)

    RispondiElimina
  7. Giuly <3 Un articolo che ho letto tutto d'un fiato e che mi ha messo la pelle d'oca. Si percepisce chiaramente dalle tue parole che questo viaggio ti ha toccata e, perchè no, magari un po' cambiata. Di certo, arricchita.
    Mi fa un immenso piacere sapere che, anche se capita da pochi, la tua vacanza sia stata per te così ricca di emozioni. Spero avremo occasione di parlare di Cracovia anche a quattr'occhi :) Un forte abbraccio tesoro <3

    RispondiElimina
  8. Letto tutto d'un fiato. Rallentando con qualche lacrima su Aushwitz e Schindler.
    Lo scorso anno sono stata a Berlino ed in me si è scatenato un ulteriore desiderio di conoscenza...
    Ma Cracovia non è soltanto storia contemporanea, è molto di più. Anche se non l'ho mai visitata, presumo che possa dare delle soddisfazioni anche dal punto di vista paesaggistico. Ed un giorno la visiterò anche io.
    ... Ma che razza di amici c'hai? :)

    Grazie per aver condiviso con noi foto ed emozioni su Cracovia.
    Buona giornata
    Enza

    RispondiElimina
  9. E' o no una città magica e bellissima? Non a caso, ci torno per la terza volta tra pochissimo e non vedo l'ora. Sono felicissima di leggere che ti è piaciuta tanto :)

    RispondiElimina
  10. Deve essere davvero bella,mi hai fatto venir voglia di andarci XD

    RispondiElimina
  11. Dalla tua descrizione si capisce che Cracovia ti ha colpita e sorpresa, credimi mi hai messo una terribile voglia di andarci! Meglio per noi che abbiamo voluto ascoltare della tua esperienza in questa città emozionante :)

    RispondiElimina
  12. Bellissimo post! Sono stata a Cracovia l'anno scorso e mi ha emozionata, commossa e sorpresa esattamente come è successo a te, tant'è che credo fortemente che sia diventata la mia città preferita!

    RispondiElimina
  13. Sai che pensavo anche io di andare in Polonia quest'anno? Poi abbiamo deciso per Tenerife, che costa abbastanza poco anche lì, ma non nego che uno dei prossimi viaggi potrebbe essere proprio la Polonia!!

    RispondiElimina
  14. La Polonia è una terra che mi ha sempre affascinata, senza sapere bene perché.

    RispondiElimina
  15. Cracovia *_*
    Lasciali perdere quelli che non capiscono e che magari come mete turistiche conoscono solo Spagna e Grecia... Io Cracovia la visitai brevemente quando avevo 14 anni e posso confermare ogni tua singola parola! E' una città bellissima, magica e piena di storia!
    Ps: io in quella piazza mi ci sono persa XD

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...