Lettori fissi

sabato 17 settembre 2016

A book & its movie – "Città di carta" di John Green

John Green mi ha offerto la (seconda) opportunità di proporvi un altro post della serie A book and its movie! 
Città di carta è il terzo libro di John Green che leggo: il primo è stato Colpa delle stelle, seguito da Cercando Alaska.
Come ormai saprete sono una fervida sostenitrice della teoria
Fonte

quindi, anche stavolta, quando ho saputo che avrebbero proposto il film di Città di carta mi sono lanciata nella lettura, ma ho recuperato il film solo pochi giorni fa.
Città di carta
Quentin Jacobsen è sempre stato innamorato di Margo Roth Spiegelman, fin da quando, da bambini, hanno condiviso un'inquietante scoperta. Con il passare degli anni il loro legame speciale sembrava essersi spezzato, ma alla vigilia del diploma Margo appare all'improvviso alla finestra di Quentin e lo trascina in piena notte in un'avventura indimenticabile. Forse le cose possono cambiare, forse tra di loro tutto ricomincerà. E invece no. La mattina dopo Margo scompare misteriosamente. Tutti credono che si tratti di un altro dei suoi colpi di testa, di uno dei suoi viaggi on the road che l'hanno resa leggendaria a scuola. Ma questa volta è diverso. Questa fuga da Orlando, la sua città di carta, dopo che tutti i fili dentro di lei si sono spezzati, potrebbe essere l'ultima. (Trama tratta dal sito La Feltrinelli).
John Green ha, a mio avviso, un modo non melenso di raccontare i rapporti adolescenziali, che siano d'amore o d'amicizia, lo fa – sempre – attraverso dettagli originali, che rimangono in testa al lettore anche ben dopo il termine del libro. In Città di carta il dettaglio che più mi è rimasto impresso sono appunto le città di carta, un luogo-non luogo di cui non avevo mai sentito parlare. Ho trovato molto bella la parte finale del viaggio in macchina e l'evoluzione dei rapporti tra i protagonisti.
Come per gli altri libri che ho letto dell'autore, il finale non è affatto banale.
Voto libro: *** e mezzo
Città di carta
Fonte

Nonostante abbia trovato Città di carta un film piacevole, credo che non permetta di assaporare tutta la ricerca e la crescita che c'è dietro ai personaggi del libro.
L'evoluzione dei singoli personaggi e del loro rapporto è riportato in modo grossolano e veloce nel film, mentre il libro permette di cogliere meglio questo aspetto.
Inoltre, non capisco perché debbano cambiare il finale di un film tratto da un libro.
Nella sostanza il risultato non cambia se volete però non mi piace che si prendano queste libertà.
Voto: 7

Città di carta è uno degli esempi in cui il libro batte di gran lunga la sua versione cinematografica. Il film sembra mescolare generi diversi, incapace di trovare una vera identità e di dare un'identità concreta ai suoi personaggi. Il libro invece regala una storia di amore e amicizia non melensa, dove i personaggi evolvono e crescono.
Avete letto o visto Città di carta? Cosa ne pensate?

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...