Lettori fissi

venerdì 2 dicembre 2016

Venezia: 5 posti da non perdersi

Venezia è una di quelle città che devo vedere con cadenza regolare.
Passano al massimo un paio d'anni tra una visita e l'altra, poi avverto come un richiamo che mi invita a perdermi tra le calle e i canali veneziani, incantata da una città che sembra una perenne cartolina.
Ho seguito questo richiamo e ho trascorso a Venezia un weekend qualche settimana fa, con la scusa di festeggiare il mio compleanno.
Ogni volta cerco di vedere qualche nuovo angolino di questa città anche se, a dirla tutta, Venezia è una delle poche città dove mi basterebbe perdermi senza nessuna meta precisa.
Oggi vi parlo di 5 posticini che ho scovato durante questa incursione veneziana, tutti meritevoli.
Libreria Acqua Alta
Venezia + libreria atipica + gatti = un posticino indimenticabile.
La Libreria Acqua Alta è una libreria atipica che merita tutta la vostra attenzione.
Nascosta in un angolino del quartiere Castello, si affaccia su uno spiazzo e su un canale. E' un tripudio di confusione ordinata, con libri che spuntano da ogni dove, insieme a qualche gatto sonnacchioso.
Basilica di Santa Maria della Salute
Sebbene Santa Maria della Salute sia una delle Chiese che più apprezzo di Venezia mi ero sempre limitata ad ammirarla dall'alto lato del canale. Stavolta la nostra passeggiata si è spinta fin davanti alle chiesa ed è proseguita con una bella passeggiata fino alla punta del quartiere Dorsoduro, lungo le Fondamenta Salute.
Squero di San Torvaso
La motivazione principale che ci ha spinto in questo angolino di Venezia non è nobile, è un bacaro chiamato Osteria Al Squero che ahimè abbiamo trovato chiuso. Il giro però non è stato vano: di fronte all'osteria abbiamo incontrato un angolo tranquillo e soleggiato di Venezia, con una pittoresca e assai fotogenica rimessa di gondole.
Calle Varisco
Più che un vero e proprio posto meritevole, Calle Varisco è una curiosità.
Collocata nel quartiere Cannaregio, è la calle più stretta e piccina di Venezia, con i suoi 53 cm di larghezza. 
Gli angoli nascosti - Galleria Giorgio Franchetti alla Ca' d'Oro 
Totalmente per caso ci siamo imbattuti nella Galleria Giorgio Franchetti alla Ca' d'Oro, scendendo dal vaporetto proprio a questa fermata. Abbiamo visto solo una scorcio del giardino interno, che mi ha incuriosito sul visitare anche il resto, soprattutto per poter vedere da vicino l'interno di questo meraviglioso palazzo.
Il generale il consiglio è di prestare attenzione proprio agli angoli nascosti: i giardini interni, gli angoli più inaspettati, le vecchie insegne dei negozi, le piccole piazze tra le calli... saranno loro a rendere indimenticabile Venezia.
   
Cara Venezia per stavolta è tutto, fino al prossimo richiamo.
Se avete qualche suggerimento su luoghi, posti, monumenti, angoli veneziani che meritano di essere visti lasciatemi qualche indicazione nei commenti.
Avete anche voi una (o più) città che vi richiamano regolarmente, il cui fascino è senza tempo e la voglia di scoprirla non esaurisce mai?

4 commenti:

  1. Sarò scontata, ma ogni volta che torno a Roma è come se fosse la prima volta!

    RispondiElimina
  2. Sei venuta vicino a casa mia!!! Prossima volta che decidi di venire a Venezia ( Padova meglio così te la faccio vedere :-)) andiamo a fare il giro dei bacari. A questo punto lo devi fare!! Tipico veneto :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non mancherò di avvisarti Saretta mia! <3

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...