Lettori fissi

giovedì 30 giugno 2016

#TurismoCosmetico: 5 negozi dove acquistare cosmetici negli Stati Uniti!

Sebbene i racconti newyorkesi scritti in collaborazione con Miki di Miki inthe Pinkland siano terminati, avevo voglia di scrivere un ultimo post su un argomento che Miki aveva già egregiamente discusso nel suo post haul (lo trovate qui).
Le amanti dei prodotti beauty in generale sanno bene che un viaggio a New York, o negli States in generale, può voler dire solo una cosa: turismo cosmetico!
Prima ancora di partire, il controllo del passaporto, la pila di documenti relativi al viaggio e la preparazione della valigia vanno di pari passo con la preparazione della wishlist cosmetica.
Una volta arrivati in una grande città è facile farsi rapire dall'atmosfera e dalla miriade di negozi, ecco quindi cinque negozi che una beauty addicted in vacanza negli Stati Uniti non può assolutamente perdersi!
Partiamo dalle banalità.
Basterebbe un elenco dei brand presenti da Sephora in America e irreperibili qui da noi per invogliare ogni appassionata: Kat Von D, Tarte, Bite Beauty, Boscia, Sephora Favourites e chi più ne ha, più ne metta.
Sephora negli States è la mecca dei prodotti beauty, un paradiso terrestre sotto forma di espositori interi di brand (per noi) altrimenti quasi introvabili.
Comincio col dirvi che la tessere italiana non vale assolutamente in America (non vale nemmeno nel resto d'Europa, figurarsi negli States!) quindi nessuno sconto o nessun accumulo punti a meno che non decidiate di fare la tessera americana.
A mio avviso, la zona del negozio più tentatrice è nei paraggi delle casse dove una serpentina di mini espositori vi accompagnerà a pagare. In questi mini espositori sono esposte tutte le mini taglie dei best seller venduti dai diversi marchi, una roba che vorreste passare a braccio teso e infilare tutto nel cestino.

mercoledì 29 giugno 2016

June Beauty Haul

Fine mese, tempo di bilanci sugli acquisti cosmetici!
Questo mese ho limitato gli sfizi, a cui ho aggiunto però alcuni acquisti necessari.
Nell'aria c'era anche un po' di shopping su commissione, ma questo è un altro post, che
presumibilmente vedrete nelle prossime settimane, appena recupererò quello che avevo commissionato.
Partiamo dagli acquisti necessari...
Era tantissimo che non mettevo piede da Lush e il motivo è semplice: se entro poi mi faccio prendere la mano e vorrei provare qualunque cosa!
Ormai però avevo davvero bisogno di alcuni prodotti e in più avevo le mie 5 confezioni vuote da convertire in una maschera fresca gratuita, un'occasione da non sprecare!
Il risultato è stato questo:
In primis la maschera fresca ricevuta in omaggio, la scelta era veramente limitata visto che non c'erano molte maschere disponibili, io ho deciso di provare La via della seta, indicata per detergere, levigare ed esfoliare pelli miste o normali. 

martedì 28 giugno 2016

Serial Addicted – Beauty and the Beast

Praticamente costretta a guardarlo da una mia cara amica, il cui entusiasmo per questo telefilm era incontenibile, mi sono decisa a vedere le due stagioni passate e a mettermi in pari con la terza, in onda ora su Fox Life.
Inizialmente spiazzata dall'ambientazione e dalla caratterizzazione dei personaggi, ho apprezzato la prima stagione, tollerato la seconda ma ora con la terza mi sto un po' annoiando.
Dopo tre serie mi sembra sempre quella solfa.
Voi lo guardate? 

My wedding makeup!

Sono arrivate le foto del matrimonio.
E ho realizzato che ancora non vi ho parlato di quel giorno.
Inizio, con un racconto del mio make-up, perfettamente pertinente con il tema del blog.
A realizzare il mio make-up è stata Valeria, una make-up artist conosciuta da Sephora a Modena.
Dopo un paio di prove avevamo già identificato il tipo di trucco che desideravo. Non ho tante foto (decenti) delle prove, accontentatevi di un riassunto step by step, con foto finale.
Per la base Valeria ha scelto di applicare sulla mia pelle grassa un primer efficace che garantisse la lunga tenuta del trucco e mantenesse la mia pelle opaca. La scelta è caduta sul primer viso The POREfessional Benefit
Fonte
Come fondotinta, dopo averne testati diversi, abbiamo optato di comune accordo per il Re(marc)able Marc Jacobs nella tonalità Bisque Medium, un fondotinta dall'ottima coprenza che però non risultava pesante sulla mia pelle. 
Fonte

lunedì 27 giugno 2016

Io non ti voglio tiiiiiiii pretendo - L'Oréal

Non faccio mistero della mia ossessione per i blush, ogni novità mi fa drizzare le antenne anche se, a occhio e croce, dovrei avere prodotti a sufficienza per le prossime tre vite.
Nonostante questo, non smetterò di collezionare questi piccoli tesori colorati e preziosi.
A farmi canticchiare senza ritegno ci si è messa pure L'Oréal che ha lanciato i nuovi Lucent Migique Cushion Glow Blush.

sabato 25 giugno 2016

BBC (not another BBCream but a) Blogger Book Club - #24 "Dov'è finita Audrey?" di Sophie Kinsella

Il vostro Blogger Book Club è arrivato all'ultima delle tre letture dedicate a Sophie Kinsella. Questo mese io, Alex di Shopping a tutto tondo, e Saretta di Bitter Sweet Me vi proponiamo la recensione di Dov'è finita Audrey?.
Rispetto alle altre due letture, questa si differenzia per il target del libro: Dov'è finita Audrey è infatti il primo romanzo rivolto ad un pubblico più adolescente scritto da Sophie Kinsella.
Questo non toglie che possa essere apprezzato anche dal suo pubblico più adulto.
Dov'è finita Audrey?
Audrey ha quattordici anni e da tempo non esce più di casa. Porta perennemente grandi occhiali scuri, e non certo per fare la diva, ma perché questo è il suo modo per proteggersi dalle persone che la circondano e sfuggire al rapporto con gli altri. A scuola le è successo qualcosa di brutto che l'ha profondamente segnata, e ora Audrey è in terapia per rimettersi da attacchi d'ansia e panico che non le permettono di condurre una vita serena e avere contatti con il mondo esterno. Prigioniera nella propria casa, riesce a guardare negli occhi solo Felix, il fratellino più piccolo. Suo fratello Frank, invece, ha un anno più di lei ed è ossessionato dai videogames e – con grande preoccupazione della madre iperprotettiva e vagamente nevrotica – non si stacca un attimo dal computer e dal suo amico Linus che condivide la sua stessa mania. Quando Audrey incontra Linus per la prima volta, nasce in lei qualcosa di diverso, e piano piano riesce a trovare il modo di comunicargli le sue emozioni e le sue paure. Sarà questa la scintilla che aiuterà non solo lei, ma la sua intera famiglia scombinata. Dov'è finita Audrey? è un romanzo caratterizzato da una grande empatia in cui si ride e ci si commuove. Sophie Kinsella riesce ad alternare momenti di puro humour ad altri più seri e teneri con grandissima sensibilità, raccontando il percorso verso la guarigione di una fantastica e coraggiosa ragazzina e parlando al cuore di tutti. (Trama tratta dal sito La Feltrinelli).

venerdì 24 giugno 2016

Page & Horseshoe Bend in 10 scatti

Dopo essere stati al Bryce Canyon, il nostro itinerario prevedeva una giornata alla Monument Valley.
Per raggiungerla saremmo dovuti passare da Page che, per noi, è diventata una meta a metà strada tra una tappa e l'altra.
Page è una città dell'Arizona, situata a poca distanza dalla Glen Canyon Dom, la diga che ha portato alla formazione dell'artificiale Lake Powell. Lungo quasi 300 km il Lake Powell è immenso e si trova al confine tra Arizona e Utah.
Con la costruzione della diga è diventata una vera e propria oasi nel deserto.

Con il suo enorme bacino idrico e l'immenso deserto circostante è diventata anche una meta di turismo balneare di notevole importanza.

giovedì 23 giugno 2016

Serial Addicted – Scream Queen

Aspettavo l'arrivo di Scream Queen in Italia, principalmente incuriosita dal cast e dal genere ibrido (horror/commedia/drama).
Dal genio creativo di Ryan Murphy, creatore di Glee e American Horror Story.

I riesumati! - 06/16

Questo giugno balordo, un po' estate un po' autunno, è già alle porte.
Come ogni mese, non mi sono risparmiata e ho selezionato qualche prodotto già presente in casa che fosse adatto al periodo, con l'intento di sfruttarlo e chissà, magari anche terminarlo prossimamente.
Collistar - Crio Gel Anticellulite
La comparsa dei primi caldi ha fatto in modo che corressi a recuperare una delle mie creme estive preferite in assoluto, la Crio Gel Anticellulite Collistar.
Il mio amore per questa crema risale a parecchi anni fa e, contro ogni previsione, continuo ad esserle fedele nel tempo: l'effetto fresco sulle gambe è una benedizione durante il periodo più caldo. Non fa miracoli con la cellulite ma niente funziona se non una buona attività fisica e una buona idratazione.

mercoledì 22 giugno 2016

Summer wishlist

L'estate sembra davvero essere alle porte e stavolta non solo sul calendario.
Dopo il mio cambio stagione tardivo, ecco spuntare la lista dei desideri di questa stagione, ossia quella che sarà la guida ai miei acquisti durante i prossimi saldi.
Come sempre, esagero e vi propongo due liste, una riguardante i prodotti beauty, make-up e non, e l'altra relativa a tutto il resto.
Partiamo dalla wishlist cosmetica che include i prodotti che più sto puntando in questo periodo:

martedì 21 giugno 2016

Spring Favourites!

Questa primavera pazza e indimenticabile rimarrà indelebile anche se mi è letteralmente scivolata tra le dita.
Ed è già estate.
Fonte

Ad arricchire gli ultimi mesi ci sono stati diversi prodotti che si sono guadagnati il titolo di preferiti del periodo.
Come mia abitudine, ve li divido tra prodotti make-up e prodotti beauty.
In entrambi i casi il mio turismo cosmetico durante la luna di miele negli Stati Uniti ha arricchito il mio armamentario di prodotti di cui, al momento, sono follemente innamorata.
Per quanto riguardo i prodotti make-up i miei preferiti degli ultimi mesi sono:
Lorac – Unzipped Eyeshadow Palette
E' stato il primo acquisto cosmetico fatto negli Stati Uniti e da allora non l'ho più mollata. Scrivenza e durata eccezionali, uniti a una grande sfumabilità e a un mix di colori particolarmente adatti al periodo.

lunedì 20 giugno 2016

Io non ti voglio tiiiii pretendo – Lorac

Il binomio Lorac + palette assicura una serenata di quelle cantate a squarciagola.
Lorac ha lanciato negli ultimi anni alcune delle palette più desiderate del mondo beauty e non sembra intenzionata a fermarsi.
E' di qualche settimana fa la notizia del prossimo lancio della palette Lorac PRO 3.

sabato 18 giugno 2016

A good book is a good friend – “Letto di ossa” di Patricia Cornwell

Patricia Cornweel era una delle mie scrittrici di thriller preferite in assoluto.
Il suo primo libro che ho letto è stato Il cimitero dei senza nome, un libro che per me è legato a una delle mie migliori amiche e all'estate più bella della mia adolescenza.
Un sacco di bei ricordi per un semplice thriller.
Quell'estate nacque il mio amore per Kay Scarpetta che proseguì romanzo dopo romanzo, con un ritmo più che serrato.
Negli ultimi anni però qualcosa si è spezzato...
Letto di ossa
Alberta, Canada. Quando una famosa paleontologa scompare da uno scavo in cui ci sono i resti di un dinosauro, Kay Scarpetta capisce immediatamente che questo sarà il suo nuovo caso. Nel frattempo a Boston viene ritrovato un corpo che rivela degli indizi legati alla sparizione della paleontologa, in particolare delle tracce di creature risalenti all'era dei dinosauri, nonché ad altri casi insoluti che sembrano non avere niente in comune tra loro. Cosa e chi c'è dietro tutto questo? E di chi si può fidare Kay Scarpetta? Il collega investigatore Pete Marino e il marito Benton Wesley sono entrambi insoddisfatti per come stanno andando le cose al Cambridge Forensic Center e la nipote Lucy ha un atteggiamento più riservato e misterioso del solito. Sentendosi tradita da quelli più vicini a lei, Kay teme questa volta di essere davvero sola di fronte a un nemico scaltro, potente e temibile che sembra impossibile sconfiggere. (Trama tratta dal sito La Feltrinelli). 

venerdì 17 giugno 2016

Bryce Canyon in 10 scatti

Secondo appuntamento con il fotoracconto del nostro viaggio di nozze USA on the Road.
Abbandonate le luci scintillanti, la stravaganza e l'immensità di Las Vegas ci siamo diretti verso il primo dei parchi previsti dal nostro itinerario.
Da questo momento siamo noi, la nostra macchina a noleggio e le strade americane, il sogno di girare da soli e vedere con i nostri occhi l'immensità degli Stati Uniti si sta realizzando.
La prima tappa del nostro viaggio è uno spostamento di 4 ore, può essere considerato di media durata nel complesso del nostro viaggio.
Si, 4 ore sono uno spostamento medio.
Già questo permette di rendersi conto di quanto siano vasti gli Stati Uniti.
Cioè, da casa mia in 4 ore sono in Austria.
Qui ho appena cambiato stato e lo faccio in scioltezza, nel giro di mezza giornata.
Per raggiungere il Bryce Canyon abbiamo deciso di non seguire il navigatore e di fare di testa nostra. Sapevamo che esisteva un percorso leggermente più lungo ma molto più affascinante, che permetteva di arrivare al Bryce Canyon entrando anche all'interno di un altro parco, lo Zion Canyon.
E' quello che abbiamo scelto di fare.
Abbiamo abbondato il Nevada, direzione Utah.
Ed è scattato l'amore folle per i cartelli degli Stati.
Quelli dello Utah erano particolarmente belli, con disegni diversi a seconda dell'attrazione più vicina. 

giovedì 16 giugno 2016

Neve Cosmetics - Mineral Blush in Starlet

Qualche mese fa ho riesumato un prodotto che sto amando ogni giorno di più e che si è meritato una recensione dettagliata tutta sua: il Blush Minerale Starlet Neve Cosmetics.
Pro: pigmentato ma allo stesso tempo modulabile, facile da sfumare, ottima durata, colore elegante e dal finish opaco, inci
Contro: essendo molto pigmentato bisogna dosare bene il colore.
Prezzo: 12,90€ per 4 gr di prodotto, disponibile anche nel formato mini da 0,7 gr a 3,90€.
Voto: 8 e mezzo

Ho acquistato il blush Starlet di Neve Cosmetics subito dopo l'uscita, con la collezione Twenties Icon, ormai nell'autunno del 2013. L'ho riesumato solo recentemente e me ne sono follemente ri-innamorata.
Premetto che, da pocciona cronica, generalmente non sono un'amante dei prodotti in polvere libera, faccio un'eccezione giusto per i blush Neve Cosmetics che sono qualitativamente ottimi.

mercoledì 15 giugno 2016

Spendi&Spandi takes New York - What & Where eating in NYC (in collaborazione con Miki in the Pinkland)

Continua la collaborazione con la cara Miki di Miki in the Pinkland, ormai la nostra destinazione fissa del mercoledì è sempre lei, la Grande Mela!
Prima o poi io e Miki affronteremo la realtà e ci renderemo conto che ormai siamo tornate in Italia da un po' ma... non è oggi quel giorno! XD
Oggi continuiamo a raccontarvi le nostre esperienze a New York, la città di cui entrambe siamo innamorate, oltre a essere stato il posto che ci ha fatto incontrare dopo tanti anni di amicizia virtuale.
Il post di questa settimana è incentrato sulle nostre esperienze culinarie.
Mangiare in una grande città può e deve essere un'esperienza a tutto tondo, non ci si può ridurre ai soli fast food o alle pallide imitazioni del cibo a cui siamo più abituati, altrimenti ci si priva di una bellissima esperienza. 
Raccontandovi e consigliandovi io e Miki speriamo di potervi offrire un nuovo punto di vista oltre che una eventuale lista di posti in cui mangiare se capiterete per New York.
E' bastata una manciata di giorni a New York per permettermi di racimolare diversi posti che consiglierei a occhi chiusi a chi è in partenza per la Grande Mela!
Magnolia Bakery
Fonte
Era una delle tappe che più desideravo concretizzare.
La colpa era soprattutto di una delle mie migliori amiche che per anni mi ha raccontato di come i cupcake di Magnolia Bakery fossero eccezionali rispetto anche al cupcake più buono mangiato in Europa.
Non volevo crederle... ma mi sono dovuta ricredere.
Assaggiate il Red Velvet Cupcake o, se siete golosi ma non volete strafare, concedetevi due/tre mini cupcake di diversi gusti.

martedì 14 giugno 2016

A Colour Pop Haul!

Uno degli acquisti beauty di cui vado più fiera durante il mio turismo cosmetico da luna di miele è il mio piccolo bottino Colour Pop.
Riuscire ad acquistare Colour Pop è stata una piccola impresa, che ha richiesto un paio di passaggi ma che è valsa la pena.
Colour Pop infatti, anche negli Stati Uniti, vende solo online, non esistono, al momento store fisici in nessuna città americana.
Però...
Ebbene si c'è un meraviglioso però.
Molti hotel in America accettano di ricevere pacchi per i loro ospiti.
E ci siamo già capite!
Dopo questa fantasmagorica scoperta è stata questione di qualche mail. 
La fase 1 ha previsto un contatto iniziale con quello che sarebbe stato il mio hotel a New York per chiedere se accettava di ricevere pacchi a nome mio e a che prezzo. Ci sono hotel che offrono questo servizio in maniera totalmente gratuita e altri che invece applicano un piccola “spesa di gestione”. Nel mio caso il servizio era gratuito, ancora meglio.
La fase 2 prevedeva di scrivere al servizio clienti Colour Pop e chiedere se potevano inviarmi un eventuale ordine presso l'indirizzo di un hotel. La risposta, veloce e gentilissima, è stata positiva.
Ho poi scoperto da Miki di Miki in the Pinkland che, per non avere problemi con il pagamento dell'ordine, era meglio pagare attraverso Paypal e non inserendo direttamente i dati della carta di credito, che sarebbe risultata straniera. Non chiedetemi perché un metodo funziona e l'altro no...
A questo punto è stato un tripudio di wishlist XD
Sapevo che volevo delle tinte, sapevo che volevo dei blush, ho colto l'occasione per aggiungere anche un altro paio di prodotti, di modo da farmi un'idea generale sui prodotti Colour Pop.
Come vi ho già anticipato nel post haul, il risultato del mio bottino è stato questo:

lunedì 13 giugno 2016

Io non ti voglio tiiiiii pretendo – Maybelline

Ho scoperto i rossetti Color Sensational Maybelline tardi, solo l'estate scorsa dopo anni e anni in cui li ho bellamente snobbati.
Me ne sono innamorata grazie a Hollywood Red e, in seguito, grazie a Divine Wine della linea Color Sensational Matte.
Ora, drizzo sempre le orecchie ogni volta che sento parlare di novità in casa Maybellina, soprattutto se stiamo parlando di rossetti.
A farmi scattare l'”io non ti voglio tiiiiii pretendo” sono i nuovi Color Sensational Maybelline in uscita con la collezione The Loaded Bolds.

sabato 11 giugno 2016

Movie-aholic – Batman vs Superman, Kingsman - Secret Service e Brooklyn

Dopo mesi di latitanza, con l'arrivo della primavera sono tornata a recuperare diversi film. Il cinema mi mancava proprio, fosse per me ci andrei tutte le settimane!
Ho visto film di vario genere, riprendendo anche la visione di film più vecchi già usciti in televisione.
Batman V Superman: Dawn of Justice
In genere amo i film con i supereroi.
La trilogia de Il cavaliere oscuro con Christian Bale è fantastica a mio avviso.
Ero carica quindi per questa serata al cinema, a vedere Batman V Superman ma il mio entusiasmo si è spento durante la prima mezz'ora di film.
Non è brutto, però non è nemmeno epico, l'ho trovato macchinoso e decisamente forzato nel voler collegare i due personaggi.
Bravissimo Jesse Eisenberg, che ho adorato nel ruolo di Lex Luthor. 
Picco di entusiasmo per l'apparizione di Wonder Woman, non vedo l'ora di vedere il film!
Voto: 6/7

venerdì 10 giugno 2016

Las Vegas in 10 scatti

I viaggi sono, insieme ai trucchi, la mia grande passione.
Per questo motivo ho deciso che dedicherò più spazio, sul blog, alle località che visiterò o che vorrei visitare.
Lo faccio partendo da un reportage, diviso in puntate, sul viaggio di nozze.
Come vi avevo raccontato la meta del nostro viaggio di nozze sono stati gli Stati Uniti, insieme ad Antigua.
Partendo da oggi, vorrei raccontarvi tappa per tappa, una sorta di fotoracconto e fotodiario, con qualche informazione utile per chi vorrebbe visitare questi posti. Ovviamente, il tutto con un occhio di riguardo al turismo cosmetico.
La prima tappa del nostro viaggio è stata Las Vegas.
Io non volevo andarci.
E' stata la scelta dei parchi successivi a portarci qui insieme a Matte che voleva arricchirsi giocando al casinò, cosa che non è avvenuta ovviamente.
Abbiamo trascorso qui un paio di notti.
Dopo aver prenotato in realtà è subentrata la curiosità: chissà come sarebbe stato il colpo d'occhio? Chissà come sarebbe stato sbarcare in America per la prima volta e farlo nella città più pacchiana di tutte?
Insomma, Las Vegas mi aveva lentamente incuriosita.
Ho iniziato a leggere e a documentarmi.

giovedì 9 giugno 2016

Caudalie - Eau de Raisin / Acqua d'Uva Bio

L'estate scorsa, per colpa di una promozione su tutti i prodotti Caudalie effettuata dalla mia farmacia di fiducia, è partita definitivamente la mia fissa per i prodotti di questo brand.
E' stata una cascata: i prodotti Caudalie erano in wishlist da tempo, la mia farmacia applicava uno sconto consistente su tutti i prodotti, ne è seguito un haul di tutto rispetto, ho iniziato a provare i prodotti acquistati ed è partita la fissa che mi fa ciclicamente venire voglia di depredare l'intero espositore Caudalie.
Questo il riassunto della mia storia d'amore con il marchio.
Tra i prodotti acquistati in quel famoso primo haul c'è anche l'Eau de Raisin Caudalie, il prodotto di cui vi parlo oggi.


Pro: freschissima, idrata e lenisce la pelle, particolarmente adatta nel periodo caldo.
Contro: nessuno
Prezzo: 6,70€ per 75ml di prodotto
Voto: 8


Se anche voi, in estate, non potete fare a meno di un'acqua termale o di un'acqua fresca per il viso e per il corpo, allora l'Eau de Raisin può rientrare nel vostro radar d'interesse.
L'Eau de Raisin, o Acqua d'Uva Bio, è estratta dall'uva durante la vendemmia, è un'acqua che rinfresca, idrata e lenisce la pelle in qualsiasi momento della giornata. E' priva di conservanti, parabeni, oli minerali, silicon e ingredienti di origine animale. 

mercoledì 8 giugno 2016

Spendi&Spandi takes New York - Top 5 Emotions That I Felt in New York City (in collaborazione con Miki in the Pinkland)

Nuovo post sulla Grande Mela, nuovamente in collaborazione con Miki di Miki in the Pinkland. Io e Miki continuiamo a riprendere i post pubblicati prima del nostro arrivo a New York e a confrontarli con la nostra effettiva esperienza.
Il mio elenco spaziava dallo sport, allo shopping passando per le attività turistiche più spietate!
Al primo posto, nel mio elenco, c'era la voglia di vedere un musical

Noi avevamo acquistato i biglietti da casa, ci aspettava Aladdin.
E' stato STRE-PI-TO-SO!

Ogni visita a New York, un musical diverso, per gli amanti del genere non può che essere così!
Imperdibile.

martedì 7 giugno 2016

May Most Played!

Maggio mi è letteralmente scivolato tra le dita.
La prima settimana eravamo ancora in lune di miele, nella meravigliosa New York, poi il rientro, il trauma, il lavoro, vedi le amiche, sistema la casa, inizia il cambio stagione ed è giugno.
Giugno cacchio!
E io ho ancora gli stivali e i cappotti in giro per casa.
Vabbè, non divaghiamo.
Questo mese ho iniziato a utilizzare diversi prodotti acquistati in America, per cui si sono parecchie novità tra i most played!
Prima di iniziare, ringrazio come sempre Chiara di GoldenVi0let (qui il suo canale Youtube) per aver creato il Team Most Played, se volete entrare a far parte del Team qui ci sono tutte le regole.
I miei most played di maggio sono stati:
Conosciamoli uno per uno.

lunedì 6 giugno 2016

Io non ti voglio tiiiiiiii pretendo – Becca

Becca è uno di quei brand che ho ignorato per secoli poi, improvvisamente, dopo aver solo swatchato qualcosa è diventatato una vera e propria ossessione.
Non reperibile in Italia, qualcosa si trova in Europa, io ho avuto modo di riempirmi le braccia di swatches negli Stati Uniti, portando anche a casa qualche misero prodotto da provare.
Ecco, quella è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso...
Da quel momento è scattata l'ossesione.
Ed è partito l'arci noto “io non ti voglio tiiiiiiiii pretendo”.
C'è un articolo in particolare che, se vivessi in un Paese Becca-dotato, cercherei di accaparrarmi al volo ed è la nuova palette Becca Cosmetics Becca x Jaclyn Hill Champagne Collection.

sabato 4 giugno 2016

2 blogger al cinema – Giugno 2016

Tornata alla solita routine ma con molto più tempo libero a disposizione ho recuperato con il tempo perduto nei mesi scorsi e mi sono tolta la voglia di vedere qualche pellicola comodamente seduta al cinema.
Le vostre 2 blogger al cinema non si fanno certo fermare dalle prime belle giornate di sole XD, io e Saretta continuiamo imperturbabili con la nostra passione per i film.
Ho dovuto fare qualche modifica alle pellicole che avevo intenzione di vedere questo mese, Mother's Day ha subito una variazione nell'uscita in Italia, pare che uscirà nel corso di giugno. Considerato che due delle mie saghe di supereroi preferite proponevano un nuovo capitolo cinematografico nel corso di maggio, non è stato difficile sostituirlo!
X-Men: Apocalypse
Premessa: nessun supereroe mi fa diventare una fangirl pazza quanto gli X-Men. 
Dopo tanti capitoli cinematografici, non è facile continuare una saga in modo dignitoso, rispettando le aspettative del pubblico e trovando, al tempo stesso, qualcosa di nuovo da raccontare.
Come gli altri prequel degli X-Men anche Apocalypse è capace di svelarci qualcosa di nuovo sui personaggi e, soprattutto, sulle loro relazioni e a me piace da impazzire capire meglio le scelte e l'evoluzione dei personaggi.
Sono uscita dal cinema esaltatissima, aspettative rispettate! 
Voto: 8 e mezzo 

venerdì 3 giugno 2016

Finiti e Infiniti - Maggio 2016

Come avevo previsto, dopo un mese di scarso rinnovo anche perché l'ho passato praticamente quasi tutto lontano da casa, maggio mi ha dato grandi soddisfazioni in termini di pulizie di primavera.
Ho potuto terminare svariati prodotti aperti da tempo e rinnovare un po' il parco prodotti in uso, per adeguarlo alla bella stagione.
I prodotti terminati questo mese sono stati:

Come sempre li vediamo uno per uno.

mercoledì 1 giugno 2016

Spendi&Spandi takes New York - 15 posti che abbiamo visto (in collaborazione con Miki in the Pinkland)

In questo nuovo post in collaborazione con Miki di Miki in the Pinkland, riprendiamo il filo del discorso iniziato con il primo articolo della serie.
Il post introduttivo riguardava le aspettative su New York e, in particolare, le 15 cose che avremmo voluto vedere una volta arrivate in città.
Oggi, tiriamo le somme riprendendo in mano lo stesso elenco e raccontandovi qualcosa di ogni singola visita.
Pronte a un altro post chilometrico?
I 15 posti che ho visto a New York sono stati:
Empire State Bulding

Praticamente la prima tappa fatta a NY.
Siamo arrivati in città la sera, tempo di raggiungere il centro città, fare il check-in in hotel e appoggiare le valigie ed eravamo già fuori. Spuntata la prima cena tra i posti in cui avrei voluto cenare, abbiamo iniziato a girovagare per la città.
L'ultima salita all'Empire State Building è alle 1:15 di notte, potevamo lasciarci sfuggire l'occasione di vedere d'impatto tutta la città dall'alto?
Una nota positiva del tardo orario: zero fila! Tempo 10/15 minuti e svettavamo sopra la città.
Ovviamente in quei 10/15 minuti aveva iniziato a piovere -.-”
Ma chi la sentiva la pioggia con NY sotto i piedi? *.*
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...